Partager l'article

YAYOI KUSAMA / Fondazione Louis Vuitton

“Condividere le emozioni e le domande suscitate da alcune opere il cui potere di “rompere le regole” reinventa un rapporto con il mondo”: questo è il principio guida della Collezione della Fondazione Louis Vuitton creata nel 2006 da Bernard Arnault, principio in cui ci identifichiamo. Per questo motivo abbiamo deciso di concentrarci ogni mese su un’opera iconica della collezione, che oggi comprende 330 opere contemporanee (realizzate a partire dagli anni Sessanta) di 120 artisti internazionali. 

Organizzata “intorno a linee sensibili che tracciano quattro direzioni: contemplativa, popista, espressionista, musicale e sonora”, “la collezione non vuole ignorare la storia in cui è inserita, né la diversità di media, linguaggi ed espressioni”.

All’incrocio di questi percorsi e all’avanguardia dell’avanguardia e della rivoluzione dei linguaggi e dei media al momento della sua creazione a New York nel 1965, l’opera iconica che abbiamo scelto per iniziare questa serie, l’Infinity Mirror Room dell’artista giapponese Yayoi Kusama, è quindi emblematica della collezione, ma anche dell’intera opera di questa alta sacerdotessa dell’arte immersiva e dell’happening, una vera leggenda vivente degli anni Sessanta.

Primo di una serie di ambienti caleidoscopici, questo lavoro consiste in uno spazio chiuso, accessibile attraverso un’unica porta, rivestito di specchi e disseminato di tuberi fallici in tessuto bianco a pois rossi – i proliferanti pois che sono diventati il marchio di fabbrica dell’eccentrico artista. Un campo di falli (Phalli’s field è il secondo titolo dell’opera) riflesso all’infinito… Immerso in questo allucinante “paesaggio-pittura”, “lo spettatore è coinvolto in un’intensa esperienza immersiva multisensoriale”, facendo collidere i tuberi velenosi con il proprio riflesso in una caotica proliferazione: una vertiginosa mise en abyme dello spettatore che abissa nel suo infinito, sfuggente riflesso. Dallo spazio infinito alla cancellazione perpetua, l’opera è doppiamente ingannevole. 

Il suo significato è inoltre ingannevole se si ignora che in Giappone i falli e gli specchi sono rappresentazioni del divino e che l’artista, affetta da una malattia mentale ossessiva e soggetta ad allucinazioni (di forme proliferanti) fin da un’infanzia traumatica, attribuisce alla sua pratica artistica uno scopo catartico, un potere di evocazione.

Una pioniera – e quindi allegramente copiata e saccheggiata (da Andy Warhol, che imitò la sua proliferazione di motivi; da Claes Oldenburg, che si ispirò ai suoi mobili irti di protuberanze cucite a mano… ), Kusama è stata radicale e provocatoria fin dai primi anni a New York (dove si è trasferita nel 1958, all’età di 29 anni), in particolare attraverso l’uso della nudità nei suoi festival del corpo hippie e in altre performance di nudo, attraverso i suoi dispositivi voyeuristici con sfumature erotiche e l’uso del suo corpo per attivare lo spazio. Dagli spazi immersivi e proliferanti alle aggregazioni di forme organiche invasive e ad altre sculture accumulative, il contributo del suo lavoro d’avanguardia, rimasto a lungo nell’ombra, è stato notevole e si può dire che sia all’origine di alcune delle opere chiave della seconda metà del XX secolo. 

Tuttavia, è stato probabilmente a causa della mancanza di riconoscimenti che è tornata nel suo paese natale, il Giappone, quindici anni dopo averlo lasciato. Internata volontariamente in un ospedale psichiatrico di Tokyo dal 1977, continua oggi, all’età di 93 anni, dallo studio che le è stato allestito, a spargere i suoi piselli per allontanare, ancora e sempre, le ossessioni allucinatorie che la invadono. 

È un tentativo di cancellare se stesso all’interno del multiplo? Una ricerca per dissolvere il corpo nell’incommensurabile infinito? Angoscia o desiderio di sparizione (Kusama è autrice di un Manifesto della cancellazione)? “Da solo nella barca rosa, sto cercando di navigare nel mare della morte […]”, dichiarò l’artista nel 1998 a un’altra star dell’arte contemporanea, Damien Hirst. Un frammento di frase che dice molto di questa epopea pop e tragica.

Stéphanie Dulout

ABONNEZ VOUS À LA NEWSLETTER