Partager l'article

 Mès Lesne. Le cri du Cor

È con la danza, questo linguaggio del corpo, che Mès Lesne libera il suo spirito affrancato. Ispirato dal flamenco e dalle danze urbane, sviluppa uno stile estremamente energico. Un’identità non identificabile che porta al culmine nel suo primo film coreografico “Cor”. Incontro con l’artista.

Chi sei? 

Sono un ballerino, coreografo. Quando avevo 10 anni, ho iniziato a ballare seguendo lezioni di hip-hop con il coreografo Michel Onomo. Mi ha preso sotto la sua ala protettrice e mi ha formato, insieme ad altri ballerini stranieri. Circa a 15 anni sono entrato a far parte della sua compagnia di ballo. Ho viaggiato in tutta Europa e ho acquisito maturità, perché ero molto giovane rispetto a Michel e ai suoi ballerini.

Ho iniziato ad aprirmi a diversi stili di danza, tra cui il flamenco, la danza contemporaneo e tutte le danze che riuscivano ad ispirarmi, a toccarmi. Tutte queste gestualità mi hanno permesso di fare un mix per integrarle nella mia danza. Ho sempre voluto avere il mio stile, la mia identità. Per me è iniziato con un’ampia varietà di influenze e poi con la creazione di una danza “strana e bizzarra”. Mi piace l’idea di mettere in discussione i movimenti. Cosa sta ballando? Cosa sta facendo ? Volevo avere il mio tratto distintivo, chiedersi: se nascondo il viso, le persone mi riconoscono?

 

Puoi parlarci del tuo cortometraggio “Cor”?

Il progetto è nato poco più di nove mesi fa. Stavo guardando un video di rugby e le immagini erano pazzesche! La partita si è svolta sotto la pioggia e con i movimenti dei giocatori il campo era diventato fangoso. Ho subito immaginato di catturare i movimenti dei giocatori, concentrandomi sui loro corpi, i loro volti, le loro espressioni. Quindi ho voluto ricreare questa situazione con i ballerini. Durante lo sviluppo della sceneggiatura del film, l’idea mi è venuta da un branco, da una gioventù smarrita che cerca la libertà, come quella dei giocatori di rugby.

 

Cosa simboleggia il titolo “Cor”?

All’inizio volevamo chiamare il progetto “Corps” (Corpi). Ma il termine era troppo ampio e volevamo proprio riunire nel titolo questo aspetto del branco, del corpo comune. “Cor” ci è piaciuto da subito. “Cor” (in italiano “corno”) è lo strumento musicale utilizzato per la caccia, per richiamare il branco dei cani. Mi è piaciuto il doppio significato di questo termine.

 

I personaggi hanno simboli blu su viso e corpo. Cosa rappresentano? 

Volevo che il film avesse un’identità. Che questi ballerini, questi corpi, questi “sautés décrochés” fossero identificabili da un simbolo. Così ho lavorato con un amico, Enfant Précoce, che ha subito capito di cosa avevamo bisogno. Ha immaginato questi disegni, infantili e facili da riprodurre e che segnano gli spiriti con questo colore blu. Disegnati su diverse parti del corpo dei sei ballerini, rappresentano i propri “sautés décrochés”.

 

Con chi l’hai immaginato?

Le cose si sono susseguite in modo naturale e fluido. La Belle Facon ha subito sostenuto il progetto realizzandolo. Ho quindi contattato due amici registi, i SimonaGuns, con i quali abbiamo subito concordato la location delle riprese. Lanzarote. I paesaggi vulcanici, la terra scura mi hanno fatto subito pensare alla partita di rugby. Per la musica, ho conosciuto il compositore Pablo Bozzi tramite un amico. Non appena ci siamo incontrati, abbiamo iniziato a lavorare sulla musica. Eravamo in un caffè di Parigi, con le cuffie alle orecchie. Io gli davo il tempo, lui trovava il suono. L’idea era proprio quella di ricreare il respiro, il grido dei ballerini e dare ritmo al movimento dei corpi.

Per i costumi, ho voluto mettere in risalto il corpo. Quindi avevo bisogno di qualcosa di grezzo e semplice. Essendo il denim il più interessante, abbiamo collaborato con il marchio ACNE che è stato un vero supporto.

 

Scopriamo il tuo salto firma, il “sautés décrochés”. Come è nato questo movimento?

Questo salto è nato in una sala da ballo. Mi piacciono i movimenti aerei e questo è ciò che sviluppo nella mia danza. Volevo creare un salto e visualizzarlo al rallentatore. Volevo che il corpo si “sganciasse”, che fosse la testa, le braccia, il busto, le gambe, volevo gesti spezzati, come il pittogramma dei pedoni sui semafori. Un’amica mi ha filmato mentre saltavo al rallentatore ed è allora che ho iniziato a sviluppare questo movimento.

 

Cor è l’inizio di una serie di nuovi film coreografici?

Sì! Vorrei farne di più, più lunghi, più complessi. Vedo il film come un modo per accompagnare la mia danza e per mescolare le arti e tutte le sue forme. Stiamo già lavorando a un film, più intimo, incentrato sulla mia danza. Sarò presente come ballerino in duetto con un’altra persona che lavora in una disciplina artistica diversa.

 

Il cortometraggio è disponibile su www.nowness.com

Louise Conesa

ABONNEZ VOUS À LA NEWSLETTER

THE VINTAGE FURNITURE
VENTE DE MOBILIER VINTAGE
Grande sélection de meubles, luminaires et décoration vintage. Grands designers scandinaves www.thevintagefurniture.com