Partager l'article

La Casa del Collezionista progettata da Tom Dixon

Design Research Studio presenta la sua interpretazione avanguardistica della casa di un collezionista per gli attici di One Park Drive a Londra.

Dal 2007 Tom Dixon e Helene Bangsbo Andersen creano gli spazi e gli oggetti di domani attraverso Design Research Studio. Questo studio di consulenza per l’innovazione si presta facilmente alla nozione di laboratorio di ricerca e progettazione attraverso la sua visione radicale. Con gli attici duplex One Park Drive, il duo ha implementato un concetto audace che mira ad essere “un’incarnazione d’avanguardia della casa di un collezionista, staccandosi dai tradizionali appartamenti-tipo”. Le case si trovano in un grattacielo residenziale, progettato da Herzog & de Meuron, nel cuore del quartiere londinese di Canary Wharf. “Troppi appartamenti-tipo hanno un’estetica di design particolare”, spiega Helene Bangsbo Andersen “Qui abbiamo deciso di immaginare lo spazio attraverso il carattere di un collezionista internazionale, un viaggiatore esperto e un amante dell’architettura che ha deciso di fare di Londra il suo luogo di residenza; ricco di arte e design da collezione acquisiti nel corso degli anni da un occhio esperto”.

Volumi fluidi e tocchi futuristici

Gli interni su due livelli, serviti da una scala a chiocciola, hanno così l’aspetto di “una galleria”, dispiegando un gioco di materialità, texture e forme. La configurazione atipica dei locali offre una circolazione volutamente fluida, senza corridoi o spazi sprecati. “Questa disposizione aperta non convenzionale richiedeva una risposta progettuale insolita”, precisa Tom Dixon. Il tutto è in armonia con la geometria cilindrica dell’edificio. Come il divano DS-600 del brand svizzero De Sede, che segue la curva delle finestre. Entrando, il visitatore viene accolto da una lampada Stack LED a forma di torre geometrica, progettata da Design Research Studio. Le camere danno poi il posto d’onore a un’incredibile selezione di mobili e oggetti di designer iconici del XX secolo, come Arne Bang, Alvar Aalto, Ingo Maurer, Verner Panton, Tobia Scarpa, Frans Voss

Espressione ambiziosa

Lo studio consolida le proprie capacità produttive attraverso opere d’arte e mobili su misura. Così come mostra un forte interesse per i lavori di falegnameria, i materiali naturali, i materiali industriali e gli accessori molto stilizzati (il pianoforte di Poul Henningsen). Questo progetto di appartamento funge quindi da “banco di prova” sia per rivisitare modelli classici sia per creare prototipi che riflettono nuovi modi di lavorare e intrattenere. “Uno spazio può diventare un luogo dove suoniamo, dove balliamo, ma anche un luogo di incontro”, sottolinea Helene Bangsbo Andersen. Attraverso la sua narrativa unica, questo concetto di Casa del Collezionista infonde lo spirito del luogo, creando una vera coesione tra arte, design, decorazione e architettura.

Nathalie Dassa

designresearchstudio.net

Crediti fotografici © Peer Lindgreen

Crediti fotografici © Robert Rieger

Angleterre – Londres