Partager l'article

PARIGI + di Art Basel

 

Per la sua seconda edizione, che si terrà dal 18 al 22 ottobre, la nuova fiera d’arte contemporanea parigina, come quella che ha detronizzato2, estenderà il suo campo d’azione oltre il Grand Palais Éphémère, dove sono attese 154 gallerie provenienti da 33 paesi.

 

 

Oltre ai giardini delle Tuileries e a Place Vendôme, tradizionalmente utilizzati, il Palais d’Iéna (con una mostra Buren/Pistolletto), le cappelle Petits-Augustins delle Beaux-Arts di Parigi (con un’installazione multimediale dell’artista britannica Jessica Warboys) e la piazza antistante l’Institut de France (dove verrà eretta una monumentale scultura tessile di Sheila Hicks) vengono requisite. Da segnalare, inoltre, un programma di Conversazioni con nove conferenze-dibattito presentate al Centre Pompidou.

Se sarà Urs Fischer a occupare i riflettori in Place Vendôme con una scultura monumentale in alluminio intitolata Wave presentata dalla galleria Gagosian, al Grand Palais Éphémère ci aspettano i più grandi. Citiamo Max Hetzler, che presenterà Katharina Grosse e i suoi traboccamenti di colori, Nathalie Obadia con Laure Prouvost e la sua nuova opera intitolata Octopus Body, Chantal Crousel con le installazioni di Wolfgang Tillmans, la Galleria Continua con Chen Zen, il principale rappresentante di l’avanguardia cinese scomparsa nel 2000, la Galerie Lelong ancora fedele al pittore dei mondi fluttuanti Marc Desgrandchamps, o ancora Loevenbruck che presenta sotto i riflettori l’inquietante pittore di animali Gilles Aillaud al Centre Pompidou (fino al 26 febbraio).

Per quanto riguarda le gallerie emergenti, citiamo da Sans Titre (Parigi) i dipinti molto inquietanti, metà realistici e metà onirici, di Sequoia Scavullo, giovane diplomata alle Beaux-Arts de Paris; alla Galeria Stereo (Varsavia), l’imponente Tomasz Kręcicki (Polonia, 1990) che manipola, con umorismo e virtuosismo, gli oggetti e la scala della vita quotidiana, o Jenna Bliss e le sue strane fotografie aeree per Felix Gaudlitz (Vienna).

 

 

 

 

STÉPHANIE DULOUT

1.     La FIAC (Foire Internationale d’Art Contemporain) creata nel 1974.

Paris+ par Art Basel

Dal 18 al 22 ottobre

Grand Palais éphémère

parisplus.artbasel.com