Partager l'article

NEL CUORE DELLE DOLOMITI

È la versione chic e di design del rifugio di montagna, arroccato a 1800 metri di quota. Questo nuovo membro della catena Small Luxury Hotels of The World fa rivivere un vecchio sanatorio risalente al 1912: un progetto molto ambizioso originariamente affidato dalla monarchia austro-ungarica all’architetto Otto Wagner, maestro dell’Art Nouveau, noto per aver cambiato il volto di Vienna. Ma dopo la sua morte e lo scoppio della prima guerra mondiale è stato alla fine costruito un edificio più modesto. Abbandonato da tempo, è stato trasformato in albergo nel 2010 da Alois Hinteregger.

©FORESTIS
©FORESTIS

Suo figlio Stefan lo ha poi rilevato e ristrutturato e ha deciso di aggiungervi un ampliamento contemporaneo, realizzato dall’architetto Armin Sade in vetro, legno e pietra della regione, il Sudtirolo, a emissioni zero e riscaldato con energie rinnovabili.

©FORESTIS
©FORESTIS

Le sue linee destrutturate evocano le vette frastagliate che lo circondano: un’estetica forte che colpisce anche per gli interni, le 62 camere, suite e attici, la terrazza del ristorante locavore dello chef Roland Lamprecht che vanta una “cucina di bosco” o anche la spa di 2000 m2, completa di una suggestiva piscina indoor-outdoor come sospesa nel vuoto.

©FORESTIS
©FORESTIS

Forestis, Italia

www.forestis.it 

Céline Baussay

ABONNEZ VOUS À LA NEWSLETTER