Partager l'article

NARA YUKI : QUANDO LA PORCELLANA DIVENTA ARCHITETTURA

I suoi vasi nascono dall’armonioso connubio tra tecnologia e tradizione, celebrato con occhio d’artista.

Erede di undici generazioni di ceramisti giapponesi che hanno lavorato nell’argilla per 350 anni – suo padre, Ohi Chozaemon XI, ha ricevuto l’Ordine al Merito Culturale –, ma anche laureato in architettura all’Università delle Arti di Tokyo, Nara Yuki esplora questi due dimensioni e spinge i limiti al design di opere che rasentano l’astrazione.

L’idea architettonica presiede alla creazione. La modellazione al computer aiuta a dettagliare la sua geometria complessa, scomponendo il volume di ogni parte in più sezioni.

Assemblati sul nucleo centrale del vaso, danno origine a una forma che sembra espandersi nello spazio. Grazie al candore della porcellana, la luce contribuisce alla messa in scena e agli effetti ottici, accentuando i ritagli attraverso un gioco d’ombre.

I vuoti sono importanti quanto i pieni in quest’opera che invita a girare intorno all’opera per percepirne tutte le dimensioni.

https://yukinara.jp

Sophie Reyssat

ABONNEZ VOUS À LA NEWSLETTER