Partager l'article

“Abbiamo camminato sulla terra” di Uffe Isolotto

La 59esima edizione della Biennale di Venezia è iniziata il 23 aprile e durerà fino al 27 novembre per la gioia dei visitatori.

Un viaggio emozionale attraverso i padiglioni nazionali ai Giardini e all’Arsenale, combinando artisti affermati e belle scoperte.

Il padiglione danese ha scelto Uffe Isolotto, un artista danese nato nel 1976 che lavora sulla questione del sé, del corpo, della sessualità e della tecnologia. Le sue opere evocano spesso uno stato post-umano in cui l’uomo diventa alienato dalle sue stesse creazioni tecnologiche, anelando a un quasi impossibile ritorno alle origini della natura.

(New Age Headache) 2016 – Tranen

Con la sua installazione We Walked The Earth, Uffe Isolotto immerge i visitatori in un mondo intermedio iperrealista ricamando sul tema della mutazione.

Un racconto fantastico sulla vita e la morte, tra tragedia e speranza.

Entrando, i visitatori scoprono una fattoria danese apparentemente idilliaca, dove si svolge un dramma di vita e di morte che riguarda una famiglia di centauri.

Suicidio, nascita, mutazione: attraverso questa tragedia familiare, Uffe Isolotto sembra evocare la fine di un ciclo che annuncia l’inizio di un altro. L’estinzione di una specie che permette ad un’altra forma di vita di emergere, simboleggiata da un cucciolo di centauro steso a terra, una sorta di ibrido diverso dai suoi genitori.

Lottando per affrontare le sfide della nostra realtà sempre più complessa e imprevedibile, i centauri incarnano uno stato di oscillazione tra disperazione e speranza, riflettendo la profonda ambiguità del mondo di oggi.

 

Abbiamo camminato sulla terra – Biennale di Venezia

A cura di Jacob Lillemose

Padiglione danese, Giardini, C. Giazzo, Venezia (Italia)

Dal 23 aprile al 27 novembre 2022

https://www.labiennale.org/en

Mélissa Burckel

ABONNEZ VOUS À LA NEWSLETTER