Partager l'article

Julien Fournié, grande stilista nell’era del metaverso

Julien Fournié è uno degli stilisti più all’avanguardia della sua generazione. Pioniere dal 2011 nell’integrazione di outfit haute couture che crea per piattaforme di videogiochi come PUBG Mobile. Appassionato di gaming e cinema, collabora e crea con Tencent, il colosso cinese del digitale, look per i giochi di Battle Royale. Il gigante digitale conta non meno di un miliardo di utenti in tutto il mondo. È anche uno dei pochi creatori ad aver ricevuto nel suo laboratorio Tim Cook, general manager di Apple, e a diventare uno degli ambasciatori dell’iPad Pro.

Julien Fournié ha concesso ad ACUMEN in un’intervista in cui svela il suo punto di vista sul futuro del 3D e del metaverso nell’haute couture e nella nostra società. Secondo uno studio di Gartner, una persona su quattro trascorrerà almeno un’ora al giorno nel metaverso entro il 2026.

Il 25 gennaio ha svelato la sua collezione First Love in un film che mescola realismo e virtualità; ha creato anche gli outfit per il videogioco PUBG Mobile: il processo creativo nel metaverso è identico a quello di una collezione cosiddetta “normale”?

“La prima volta che abbiamo collaborato con “Tencent” è stato per un fantasmagorico happy new year, ho disegnato outfit specifici creando look vicini alla realtà. “PUBG mobile” voleva una correlazione diretta con il mondo reale. Siamo partiti dai disegni 2D per trasformarli in 3D. I ricami, invece, sono stati creati per essere il più vicino possibile alla realtà. Intreccio costantemente un legame tra il virtuale e il reale. Per creare un abito il disegno è estremamente preciso: sono un tecnico. Ogni dettaglio deve essere preciso per finalizzare perfettamente i disegni (realizzati su iPad Pro). Ad esempio, conoscere esattamente la posizione di una zip. I disegni sono estremamente definiti per consentire a “Tencent” di produrre parti 3D.

Mi interessava sapere come funzionano i videogiochi e i cartoni animati. Sono arrivato con un know-how che mi ha permesso di creare un ponte intellettuale tra le tradizioni dell’haute couture e l’ultra innovazione che si può trovare in Tencent, come la creazione di tessuti virtuali. Ho disegnato e deciso tutto dalla A alla Z come per una collezione di haute couture.

Preferisce creare outfit per le sue collezioni o per il metaverso?

Sono due ambiti diversi, uno è virtuale l’altro è reale. Per il metaverso, possiamo darci la possibilità di essere ancora più pazzi e demenziali visto che, ad esempio, nella vita reale non indossiamo caschi con guanti di piume rosa.

La cosa grandiosa è quando c’è una reale correlazione tra ciò che c’è nel videogioco e ciò che indossi nella vita reale e sperimentare un limite, sfidare te stesso all’interno di un gioco prima di acquistare il modello. Mi sta davvero bene? Domani con Julien Fournié digital costruiremo un guardaroba virtuale e potremo entrare in qualsiasi metaverso. Alla fine, vorrei che si potesse vestire Julien Fournié nel virtuale, creare il proprio avatar, comprarlo in NFT e poi entrare in qualsiasi videogioco.

Ci sono dei vincoli o tutto è possibile? Se sì perché?

Nei videogiochi i personaggi femminili non sono in linea con la realtà, ma attraverso innovativi sistemi di taglio possiamo stringere le taglie. Implementando il sistema, sono riusciti a ottenere il risultato che desideravo.

Come vedi il futuro del 3D e del metaverso nella nostra società?

“Sono un fan dei metaversi, quando so che ci sono persone estremamente sole, sia nei loro rapporti con gli altri che nella loro trasformazione, forse il metaverso sarà una porta di apertura, di libertà per tutta questa generazione che non ha avuto la possibilità di esprimersi nel mondo reale e di creare una comunità. Questi mondi virtuali permetteranno loro di emanciparsi e di poter testare look che non potrebbero indossare nella vita di tutti i giorni”.

“Anche il metaverso sarà in grado di operare. Se domani vostro figlio nasce con un difetto cardiaco e lo specialista di impianti di aorta è in Giappone, lo specialista di tutte le operazioni alveolari è in Brasile, cosa facciamo? Domani potremmo essere in grado di digitalizzare questo cuore, chiedere ai medici di indossare caschi per realtà aumentata, e loro potranno vedere i gesti, migliorare e formare un medico che si trova in Francia. Alla fine, non avremo bisogno di portare queste due persone a Parigi per salvare il bambino”.

“La trasmissione della conoscenza sarà possibile anche se avremo dei sensori nelle mani della nostra prima in officina, Madame Jacqueline. Potremmo seguire i suoi gesti e movimenti quando fa una cucitura francese o un ritorno. Avremo quindi archivi di buone maniere, know-how e saremo in grado di trasmettere questa conoscenza grazie al 3D”.

Il 3D e il metaverso sono quindi molto più che promettenti: mettersi alla prova, imparare o addirittura teletrasportarsi in altre dimensioni con stile. Il creatore certifica che “non possiamo andare contro l’innovazione, ma dobbiamo saperla inquadrare”.

Trovate tutte le collezioni di Julien Fournié sul sito del grande stilista: https://www.julienfournie.com

Flora di Carlo

ABONNEZ VOUS À LA NEWSLETTER

THE VINTAGE FURNITURE
VENTE DE MOBILIER VINTAGE
Grande sélection de meubles, luminaires et décoration vintage. Grands designers scandinaves www.thevintagefurniture.com