Partager l'article

Grégoire Scalabre, una passione per la ceramica

È una passione, quella di lavorare la terra, che guida Grégoire Scalabre. Scultore e insegnante, si avvicina alla ceramica con una nuova prospettiva e la svela a livello internazionale, in particolare con il suo ultimo progetto alla mostra di Venezia Homo Faber. Incontro con l’artista.

  1. Ci parli del suo incontro con la ceramica.

Ho avuto una carriera scolastica atipica perché il modello educativo non mi andava bene. Era giovanissimo, all’età di 7 anni, durante un corso ho scoperto la ceramica. E a 10 anni sapevo che volevo diventare ceramista. Ho avuto la fortuna di avere una famiglia che mi ha aiutato e incoraggiato in questo percorso. Così sono andato al sud per imparare il mestiere da un ceramista prima di cominciare gli studi superiori. È una professione che vivo con passione e che mi ha completamente plasmato.

  1. Come si è avvicinato alla scultura?

Gli studi sulla ceramica ci addestrano nell’universo dei pezzi utilitari e non nello sviluppo creativo. Sono quindi autodidatta nel disegno. È stato quando ho iniziato la residenza presso la Manufacture de Sèvre nel 2008 che ho iniziato a scolpire ed è nato il mio primo pezzo di accumulazione, Astrée. A quel tempo, stavo lavorando sull’architettura haussmanniana. Ho realizzato sculture curve ispirate agli interni e alle modanature parigine. Con David Caméo, allora direttore della Cité de la Céramique, abbiamo convenuto che avrei condotto questa pausa di ricerca sull’accumulazione.

  1. Qual è il suo processo per creare le accumulazioni?

Per Astrée e le accumulazioni che ne sono seguite, mi sono concentrato sulla tecnica tradizionale della tornitura “à la motte”. Un metodo specifico in cui la parte superiore di un ammasso di terra viene isolata per creare a piccole forme, qui le anfore. È un lavoro lungo e molto meticoloso perché un pezzo come Astrée è composto da più di 10.000 miniature tornite e poi smaltate!

  1. Ha usato questo lavoro per il suo ultimo progetto, The Ultimate Metamorphosis of Thetis, per la mostra Homo Faber 2022 a Venezia?

Sì! È stato David Caméo, diventato curatore di Homo Faber, a contattarmi per partecipare alla nuova edizione. Ho subito accettato perché il posto è prestigioso e avevamo carta bianca per la realizzazione dell’opera. Così ho ripreso il lavoro di accumulazione. È stato un lavoro titanico! Innanzitutto per la lavorazione, con l’aiuto degli assistenti, di 70.000 miniature che compongono questa struttura in fibra di vetro e acciaio di 4 m2. E poi dalla composizione di cui ho facilitato lo spiegamento grazie ad un sistema di velcro per attaccare ogni miniatura.

  1. Accanto alle accumulazioni, prosegue anche il suo lavoro sull’architettura haussmanniana?

Mi piace lavorare per fasi. Concentrarsi sulle accumulazioni per poi prendersi una pausa e riprendere un altro lavoro. Nel tempo, il progetto Hausmann è diventato Mouvement Perpétuel. È un’opera di modellazione, più monumentale, che rimanda alla torsione, alla forma concava e convessa. Qui, ho potuto giocare sull’ambiguità del materiale e quindi confondere le tracce. Non sappiamo più se l’opera è in marmo o in ghisa. Per alcuni pezzi, ad esempio, ho usato la polvere di marmo e ho saltato il passaggio dello smalto. I pezzi sono solo biscottati, cotti una sola volta e quindi rimangono porosi. Quindi proietto diversi strati di polvere di marmo su di esso, che vanno da tonalità chiare a scure prima di carteggiare per eliminare gli strati più chiari. I pezzi vengono poi marmorizzati creando un effetto di usura, di patina come si può vedere sul bronzo ossidato.

  1. Le piacerebbe sviluppare questo progetto?

Per questo progetto, vorrei far evolvere i pezzi all’aperto. Il fatto che siano unicamente biscottate permette loro di cambiare con le stagioni e quindi di vedere la vegetazione apparire, come una scultura drappeggiata nella natura. Vorrei anche integrare il mio progetto Akanta iniziato nel 2010 in questa interazione con la natura. È un’opera a corona in ceramica ispirata ai rovi.

  1. Sei uno scultore e anche un insegnante. È un ruolo importante? 

Ho diviso il mio tempo tra l’insegnamento e la produzione di pezzi scultorei per 15 anni. È un aspetto che mi piace molto, un appuntamento con gli studenti e un modello economico. Voglio essere in grado di trasmettere questa passione che mi guida e, allo stesso tempo, prendere il mio tempo per produrre i miei pezzi e partecipare a mostre. Perché la ceramica è un lavoro che faccio per me, per generare emozioni e raccontare storie. Ho quindi immaginato moduli che si rivolgono a persone in riqualificazione o professionisti che possono mantenere la propria attività professionale, formarsi in ceramica e preparare il certificato di abilitazione professionale. Sono così grato e appassionato di questa professione che voglio intrinsecamente trasmetterla.

https://www.gregoire-scalabre.com/fr/

Louise Conesa

ABONNEZ VOUS À LA NEWSLETTER

THE VINTAGE FURNITURE
VENTE DE MOBILIER VINTAGE
Grande sélection de meubles, luminaires et décoration vintage. Grands designers scandinaves www.thevintagefurniture.com